Avete mai sentito parlare di smalto naturale o bio?

Sembra strano forse, soprattutto se pensiamo alle sostanze chimiche che respiriamo quando lo applichiamo, o mentre rimuoviamo lo smalto con il solvente. Ma, come in tutte le circostanze, basta saper sfruttare le proprietà delle materie prime per ottenere una formulazione priva della maggior parte delle sostanze dannose presenti in commercio.

Ma prima di dedicarci agli ingredienti migliori è giusto fare un passo indietro, per capire bene cosa contengono gli smalti che la maggior parte delle donne utilizzano per dare alle proprie mani un aspetto più curato o per nascondere eventuali difetti.

Ci sono diversi studi, i quali hanno dimostrato quanto la presenza di determinati ingredienti che troviamo comunemente negli smalti siano effettivamente dannosi per il nostro organismo.

È importante ricordarci che le nostre unghie assorbono i prodotti che applichiamo e di conseguenza anche le sostanze chimiche presenti nella loro composizione:

  • DBP: indica il dibutil ftalato, sostanza che migliora la fluidità dello smalto, ma gli studi stanno approfondendo i suoi presunti effetti negativi sull’organismo.
  • Formaldeide: da diversi anni questa sostanza è stata inserita tra quelle potenzialmente cancerogene. Può inoltre risultare irritante e causare reazioni allergiche. Nella lista degli ingredienti è solitamente indicata come methylene glycol o formalina.
  • Toluene: solvente di derivazione petrolifera, normalmente inserito nei prodotti per le unghie per favorirne la stesura ed una rapida asciugatura. E’ sconsigliato il suo utilizzo sia per inalazione che per assorbimento.
  • Canfora: aumenta la durata dello smalto, ma è dannosa per l’ambiente e può risultare dannosa anche per l’organismo.
  • TSFR: l’acronimo indica la tosylamide, resina della formaldeide citata nelle righe precedenti. Anch’esso aumenta l’adesione e la durata dello smalto, ma può essere irritante provocando reazioni allergiche.

Queste elencate sono le principali sostanze da evitare quando scegliamo di applicare lo smalto, soprattutto per chi lo utilizza molto frequentemente.

Proprio per questo motivo, negli ultimi anni, molti brand naturali hanno deciso di produrre smalti con ingredienti naturali ed alcuni hanno anche la certificazione che li rende biologici.

È importante sapere che difficilmente troveremo un prodotti 100% naturale, ma possiamo comunque trovare una formulazione che lo sia almeno per il 90%. In queste formulazioni possiamo trovare oli vegetali con azione emolliente e rinforzante, come nel caso dell’olio di ricino.

La lacca utilizzata spesso è la shellac, una resina fissante prodotta da un insetto con le sembianze di una coccinella. È presente la mica, che contribuirà nella resa del colore scelto, la glicerina che agisce come idratante migliorando la formulazione, ma anche alcohol (spesso si tratta di alcohol denaturato) che permetterà di fissare meglio lo smalto sull’unghia.

I brand che formulano smalti naturali o con certificazioni sono diversi, qui di seguito potrete trovare i link dei più celebri. Inoltre vi ricordo che spesso i brand più celebri e “non naturali” producono linee di smalti che vantano l’assenza dei principali ingredienti dannosi.

La scelta è davvero ampia! Proprio per questo ricordatevi che prima di allarmarsi è importante informarsi e conoscere gli ingredienti che applichiamo sulla nostra pelle e in questo caso sulle nostre unghie. Bastano piccoli accorgimenti per continuare con le nostri abitudini, in maniera più sana e consapevole..!

https://www.ecco-verde.it/cerca?keyword=smalto

https://www.ecco-verde.it/logona/natural-nail-polish-1

Greta Francesconi & Beatrice Ambra – Team Deanna