Gli sbalzi climatici tipici della primavera possono aumentare, sopratutto nei soggetti predisposti, il rischio di disidratazione cutanea. La pelle secca può essere un sintomo che, se trascurato, potrebbe approdare a patologie più serie come la xerosi cutanea.

La pelle secca di solito è caratterizzata da un colorito spento, scarsa elasticità, predisposizione alle desquamazioni e in generale un aspetto poco sano. Questo è a causa del film idrolipidico cutaneo che se non curato a sufficienza rischia di assottigliarsi e lasciare il derma esposto agli agenti atmosferici, allo smog e ai batteri.

Esistono diversi generi di pelle secca: quella disidratata e quella alipidica. La prima, dovuta ad un deficit idrico, questo comporta ad una minor difesa e minor reattività per le funzioni meccaniche della pelle. Si presenterà infatti con pori dilatati e presenza di punti neri. Nel secondo caso invece ciò che è carente è la produzione sebacea. Questo rende la pelle molto più sensibile e con una forte tendenza ai segni dell’invecchiamento. Sul viso è caratterizzata da pori stretti e la quasi totale assenza di punti neri.

Cause

Le cause della pelle secca possono essere molteplici. Ciò che accade alla cute secca generalmente è un assottigliamento del film idrolipidico, la difesa naturale che la pelle produce. I principali responsabili, in individui senza particolari patologie, possono essere gli agenti atmosferici, come freddo, calore, sbalzi di temperatura in genere. Altri fattori che possono influenzare l’idratazione cutanea possono essere oltre una predisposizione genetica e l’uso di tensioattivi aggressivi, l’avanzare dell’età. Con il passare degli anni infatti le ghiandole sebacee produrranno sempre meno olii di difesa.

Tra i lettori chi soffre di questo disturbo sa anche quanto sia difficile trovare prodotti adatti al trattamento di questo genere di pelle. Il consiglio generale da parte della redazione di deanna è quello di utilizzare prodotti più delicati possibile. Con ciò si intendono tutti quei prodotti che per affinità chimica non aggrediscono la pelle introducendola ad una situazione di stress. Questo avviene quando il derma viene sgrassato troppo in profondità o coperto fino al soffocamento. Casistiche di questo genere richiedono l’intervento di elementi puri come gli olii o burri vegetali.

 Questa settimana abbiamo creato un modello di beauty routine pensato per la pelle secca, naturalmente, come in tutti i nostri articoli, si tratta di consigli la cui resa è sempre meglio testarla sul singolo individuo.

Detersione

Per le pelli secche fondamentale è il momento della detersione. Sono assolutamente da evitare tutti i tensioattivi aggressivi come ad esempio il Sodium Laureth Sulfate, nell’INCI indicato con la sigla SLS. Il consiglio è quello di scegliere o tensioattivi di origine naturale come lo zinc Coco sulfate o meglio ancora di evitare in toto i tensioattivi in favore di un lavaggio per affinità. In questo genere di detersione i saponi vanno sostituiti con grassi vegetali come l’olio di Argan, germe di grano o mandorle. Questi si legheranno per affinità chimica alle impurità e le rimuoverà l’acqua attraverso il risciacquo.

Idratazione

In seguito alla detersione il consiglio è quello di procedere con un’idratazione leggera ma profonda. Per le pelli meno giovani o più esigenti si rivela ottimale l’applicazione di un siero che idraterà le zone più profonde dell’epidermide. Ottimo è quello alla bava di lumaca di Eterea cosmetici. In un secondo momento per idratare si può procedere all’applicazione di una crema giorno o protettiva per il sole. Come crema per il giorno consigliamo la crema per il viso idratante di Allegro Natura cosmetici, mentre se la necessità è quella di esporsi a lungo ai raggi solari consigliamo la protezione solare alta di Alkemilla cosmetici. Per le pelli meno esigenti un buon modo per non dover avvalersi di troppi prodotti potrebbe essere quello di applicare dopo la detersione per affinità la combinazione di un olio vettore con un olio dalle spiccate caratteristiche protettive. Unite in una mano qualche goccia di olio di Argan e olio di semi di lampone rosso e applicatelo sulla pelle umida  per ottenere un effetto molto simile al siero unito alla crema giorno.

Nicolò – deanna team