L’impiego dell’argilla bianca nella cura del corpo è antico quanto l’uomo. Furono probabilmente i nostri antenati primitivi, dopo aver osservato la tendenza degli animali feriti di rotolarsi nel fango, ad intuirne le proprietà. Gli egizi la utilizzavano nel processo di mummificazione. In Asia veniva usata come rimedio contro la debolezza. I greci furono i primi esportatori di questo portentoso prodotto. L’argilla estratta nell’isola di Lemno si pensava particolarmente benefica per il corpo; infatti era venduta a peso d’oro. Poco dopo fu Plinio il Vecchio ad attestarne le proprietà, dedicandole un intero capitolo nella Naturalis Historia.

L’argilla Bianca , il cui nome scientifico è silicato idrato di alluminio, è composta perlopiù da silicio e alluminio oltre ad una lunga serie di altri importanti minerali, come magnesio, calcio e ferro. Questa composizione fa in modo che l’argilla abbia proprietà assorbenti, antibatteriche, antisettiche, energizzanti e cicatrizzanti. Può essere quindi una validissima alleata per la cura della pelle.

Questa settimana la redazione di deanna ha provato per voi due veloci impieghi pratici di questo composto minerale.

Per una pelle impura e opaca mescolare una adeguata quantità di argilla con il doppio del suo volume in acqua tiepida, aggiuungete qualche goccia di olio di germe di grano o olio di mandorle(approfondisci qui le sue proprietà), qualche foglia di salvia e applicate sul viso evitando il contorno occhi. Dopo aver lasciato in posa per almeno 20 minuti frizionate la maschera con le mani umide per un effetto purificante maggiore o sciacquate semplicemente con acqua tiepida.

Per capelli grassi e fini unite due cucchiai di argilla bianca con olio d’argan e olio di cocco, lasciate agire per 25 minuti sulla chioma bagnata con acqua calda. Trascorso il tempo di posa procede con il. Ormate metodo di lavaggio.

Nicolò – deanna team